A lezione dai Buskers?

Per la prima volta al Festival potrai imparare nuove tecniche e conoscere nuovi strumenti, direttamente dai musicisti del Ferrara Buskers Festival

Ogni corso avrà una durata specifica (controllare orari e giornate).
Tutti i LAB avranno una location storica ferrarese, di forte impatto emotivo e culturale.


*Non è richiesta una conoscenza pregressa della musica.


I corsi si svolgeranno anche in caso di maltempo.

Per maggiori informazioni su costi e orari:
(+39) 393 9638808
r.bottoni@ferrarabuskers.com

PREISCRIZIONI
A quale LAB vorresti partecipare?

Buskin'&Songwritin'

Un’arte Impensabile

23/24 August 2018

Durata: 1 ora (17.00-18.00)
Numero massimo di partecipanti: 20
Maestro: Claudio Niniano

INFORMAZIONI SUL CORSO   DOVE SI SVOLGE
10 € Al momento il corso è al completo

Il workshop si propone di fornire un'occasione di confronto sul tema delle esibizioni "on the road" anche dal punto di vista della composizione musicale, dal tipo di strumentazione fino al come l'essere un busker possa influenzare il processo creativo e compositivo. 

* Gradito, ma non necessario lo strumento
costo: 10 euro a lezione

Claudio Niniano ha iniziato la sua carriera di busker nel 2011 e scrive canzoni da sempre.
Sviluppa diverse tecniche come accordature aperte e accordature alternative, utilizzo del capotasto, fingerpicking e uso del plettro, tecnica percussiva e tapping, armonia e melodia, composizione di brani strumentali e composizione di brani per chitarra e voce, fusione di generi musicali diversi.

L' Officina Bottoni (foto Giada Brina), è il luogo il cui nasce il Ferrara Buskers Festival perchè qui Stefano Bottoni, il fondatore e oggi direttore artistico, ha avuto l'idea.
Cresce in una famiglia di fabbri da generazioni ed è fabbro lui stesso, ma in quel luogo, tra cancelli e inferiate avviene anche la scintilla di un'idea. Oggi rimangono le macchine restaurate inserite un contesto di design e immutata passione artigiana.

INDICAZIONI

Didjeridoo

Niente è impossibile

25 August 2018

Durata: 1 ora e 30 minuti (17.00-18.30)
Numero massimo di partecipanti: 20
Maestro: Riccardo Moretti (Tribalneed)

INFORMAZIONI SUL CORSO   DOVE SI SVOLGE
25 € Al momento il corso è al completo

Il corso propedeutico verterà sulla tecnica di base, in particolare:

  • Cenni sul Didjeridoo
    Il Didjeridoo come antico strumento tribale Aborigeno e che cosa può significare oggi.
  • Concetti di base per suonare il Didjeridoo
    Il rilassamento, la concentazione, prove senza lo strumento della vibrazione fondamentale con la bocca
  • Suono di base
    Emissione di un preciso suono di base e suo controllo

Tecniche avanzate:

  • Creazione di un pattern ritmico di base
    controllo del ritmo con la lingua. Rudimentali concetti di solfeggio ritmico
  • Respirazione circolare (I)
    esercizi senza lo strumento per apprendere i fondamenti della tecnica più impegnativa
  • Respirazione circolare (2)
    Gli esercizi precedenti verranno portati sullo strumento
  • Armoniche
    Uso della bocca per creare variazioni sonore
  • Vocalizzazioni
    Creazioni di suoni con la voce
  • Ritmi complessi
    Uso coordinato delle tecniche precedenti

Verrà fornito un libretto per il corso
* Gradito, ma non è necessario lo strumento. Si forniranno alcuni didgeridoo in PVC per consentire a tutti di provare (a rotazione).

Info tecniche: Riccardo +393472508807 (anche whatsapp)

 

Riccardo Moretti suona dall'età di 13 anni, nonostante il suo maestro di musica lo sconsigliasse di insistere.

Natio di Modena, vive da qualche anno in Sudafrica e, da quando sperimentò diverse tecniche con il jazz, non si è più fermato.
Suona da decenni il didgeridoo - antico strumento aborigeno - diventando uno dei pionieri della tecnica. Sviluppa suoni ancestrali attorno allo strumento, combinando sintetizzatore, hang, beatbox e giocattoli modificati ad un looper elettronico. Avanguardista delle tendenze musicali contemporanee.

 

 

Così denominato grazie alla particolarissima forma degli oltre 8500 blocchi di marmo che compongono il suo bugnato, Il Palazzo dei Diamanti  (foto Dino Buffagni) è uno degli edifici rinascimentali più celebri al mondo. Progettato da Biagio Rossetti fu costruito a partire dal 1493. 

Al primo piano l'edificio ospita la Pinacoteca Nazionale di Ferrara mentre dal 22 settembre, al piano terreno, sarà ospitata la mostra "Courbet e la natura". 

INDICAZIONI

Hang Player

Questo sconosciuto

23/24 August 2018

Durata: 2 ore (17.00-19-00)
Numero massimo di partecipanti: 6
Maestro: Paolo Borghi

INFORMAZIONI SUL CORSO   DOVE SI SVOLGE
25 € Al momento il corso è al completo

Avvicinamento allo strumento hang-hangpan sia in chiave teorica che pratica.

  • Descrizione e storia
  • Dizionario tecnico
  • Spostamenti singoli e ritmici
  • Struttura di un brano musicale e improvvisazione

 

*Non è necessario avere lo strumento

 

Paolo Borghi è maestro di hang, uno strumento a percussioni inusuale, creato in Svizzera, nel 2000, da due artigiani di Berna. L’artista emiliano ne possiede tre versioni, differenti per tonalità e data di costruzione. 
La sua formazione da autodidatta gli ha permesso di sperimentare in modo ingegnoso le potenzialità esclusive del suo strumento, per un risultato estasiante. I suoni metallici, ma caldi e delicati, affascinano gli spettatori, attratti dalle insolite musicalità della performance e si diletta nei “massaggi sonori” e nell’arte della musicoterapia.

La Biblioteca Comunale Ariostea  è ospitata da Palazzo Paradiso a Ferrara, che fu costruito nel 1391 come  delizia estense e decorato con affreschi della vita di corte.
Nel 1567 il palazzo diviene sede di tutta l'Università di Ferrara e dal 1801 custodisce  le spoglie di Ludovico Ariosto. La Biblioteca, tuttora attiva, contiene diversi volumi e manoscritti antichi, codici miniati e cimeli di illustri scrittori, tra cui primeggia Ariosto con 650 diverse edizioni di sue opere.

INDICAZIONI

L’Arpa Celtica

24/25 August 2018

Durata: 2 ore (17.00-19.00)
Numero massimo di partecipanti: 10
Maestro: Marianne Gubri

INFORMAZIONI SUL CORSO   DOVE SI SVOLGE
25 € Al momento il corso è al completo

Hai sempre voluto imparare a suonare l'arpa e ti chiedi se sia possibile in poche ore? Vieni a scoprire questo strumento mitico che non necessità di nessun preparazione se non quella di volersi immergere nella magia delle arie celtiche. In pochi minuti riconoscerai le note sullo strumento e imparerai una prima melodia con le basi della tecnica. 
*Non è necessario avere lo strumento, verranno fornite piccole arpe ai corsisti

 

Info tecniche: MARIANNE GUBRI 320 1650086 (anche whatsapp)

Marianne Gubri , arpista francese, è concertista internazionale, docente di arpa alla Scuola Arpeggi di Bologna, direttrice artistica del Bologna Harp Festival e autrice di 3 volumi per la didattica dell'Arpa Celtica a cura di Area 51 Publishing.
Video
Video scuola

 

Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara (Foto Caselli Nirmal)

INDICAZIONI

Loop Station

Niente è impossibile

26 August 2018

Durata: 1 ora e 30 minuti (11.00-12.30)
Numero massimo di partecipanti: 20
Maestro: Riccardo Moretti (Tribalneed)

INFORMAZIONI SUL CORSO   DOVE SI SVOLGE
25 € Al momento il corso è al completo

OBBIETTIVI:

  • Scelta degli strumenti da utilizzare (looper, effetti, microfoni, etc)
  • Strutturare una “performance” per esibirsi dal vivo
  • Interiorizzare il concetto di “Semplicita'” come base per costruire una Performance
  • Comprendere concetti di armonia di base
  • Abbinare il Didjeridoo ad altri strumenti

INTRODUZIONE:

  • Cos'e il Live Looping e perche' puo essere un grande stimolo per amatori o professionisti

MACCHINE ED EFFETTI PER IL LOOPING:

  • Funzioni dei vari Looper ed in particolar modo di 3 modelli che utilizzo: TC Electronic Flashbackx4, Ditto Looper, Boss RC-505
  • Accenni sull' utilizzo di Computer e Software (Ableton Live) come Looper
  • Gli effetti che possono (ANZI DEVONO) essere abbinati al looper ed in particolare studio approfondito del Delay e come sfruttarne tutte le sue potenzialita'
  • Il Mixer e come collegare il looper e le varie macchine agli strumenti

TECNICHE DI LOOPING:

  • Mani o piedi ?
  • Consigli su come creare i primi loops
  • Come migliorare la precisione nel timing
  • La semplicita' come base portante di tutta la performance
  • Traccia unica o Multi tracce: i pro e i contro

STRUMENTI DA UTILIZZARE (in particolare quelli che si abbinano meglio al Didjeridoo):

  • Microfoni
  • Sintetizzatori e Drum Machines, quali consiglio e come utilizzarli
  • Percussioni e Didjeridoo
  • Voce e accenni al Beat Boxing

TECNICHE DI MIXAGGIO:

  • Equalizzazione degli strumenti
  • La dinamica degli strumenti (il rapporto dei volumi al quale utilizzarli)
  • Come ottenere il meglio dal proprio speaker (equalizzazione e saturazione analogica)

TECNICHE DI COMPOSIZIONE:

  • Brevissimi accenni di armonia: accordi maggiori e minori
  • il Ritmo
  • La struttura di un brano e in particolare modo l'uso dello Stop&Go
  • SEMPLICITA' COMPOSITIVA: il segreto della riuscita di un brano
  • ABBINARE IL DIDJERIDOO AGLI STRUMENTI (sia a livello armonico che ritmico)

Info tecniche: Riccardo +393472508807 (anche whatsapp)

Riccardo Moretti suona dall'età di 13 anni, nonostante il suo maestro di musica lo sconsigliasse di insistere.

Natio di Modena, vive da qualche anno in Sudafrica e, da quando sperimentò diverse tecniche con il jazz, non si è più fermato.
Suona da decenni il didgeridoo - antico strumento aborigeno - diventando uno dei pionieri della tecnica. Sviluppa suoni ancestrali attorno allo strumento, combinando sintetizzatore, hang, beatbox e giocattoli modificati ad un looper elettronico. Avanguardista delle tendenze musicali contemporanee.

 

Così denominato grazie alla particolarissima forma degli oltre 8500 blocchi di marmo che compongono il suo bugnato, Il Palazzo dei Diamanti  (foto Dino Buffagni) è uno degli edifici rinascimentali più celebri al mondo. Progettato da Biagio Rossetti fu costruito a partire dal 1493. 

Al primo piano l'edificio ospita la Pinacoteca Nazionale di Ferrara mentre dal 22 settembre, al piano terreno, sarà ospitata la mostra "Courbet e la natura". 

INDICAZIONI

 



ATTENZIONE!!

L'iscrizione ai BUSKERSLAB sarà confermata solo dopo il versamento della quota totale di partecipazione, direttamente al maestro del corso.

La quota di anticipo non potrà essere rimborsata in caso di disdetta da parte dell’interessato ma è possibile un cambio nome oppure modificare il laboratorio – previa disponibilità - con altro evento di uguale importo.

NB: 
*Si prega di verificare sempre la location il giorno stesso poichè potrebbero essere soggette a cambiamenti.

*I posti sono limitati e le iscrizioni avvengono tramite prevendita ma, in caso di disponibilità, sarà possibile iscriversi anche in loco il giorno stesso.


* In ogni location sarà presente il nostro staff